TURISMO SCOLASTICO - Museo Archeologico "San Lorenzo"

Versione stampabileVersione stampabile

    

⇒ Scorri la pagina per tutte le info e i dettagli

 
Museo Archeologico "San Lorenzo"
 
 
 
Il Museo Archeologico di Cremona è allestito all'interno della chiesa sconsacrata di San Lorenzo e nella annessa quattrocentesca cappella Meli.
 
Il Museo costituisce lo sviluppo della vecchia Sezione Archeologica del Museo Civico e completa l’esposizione, tuttora nel Museo Civico in Palazzo Affaitati, delle collezioni di formazione “storica” non territoriale, a partire dal lascito del Marchese Ala Ponzone.
 
La chiesa di San Lorenzo, sconsacrata alla fine del XVIII secolo, apparteneva al monastero benedettino, poi passato agli Olivetani.
 
Gli scavi effettuati a partire dal 1962 hanno consentito di portare alla luce i resti di una chiesa precedente, identificabile con quella menzionata da una pergamena del 990, di un edificio cimiteriale paleocristiano e di una necropoli romana del I secolo a.C., ubicata in corrispondenza del primo tratto suburbano, in direzione est, dell’antica via Postumia.
 
La destinazione a sede museale del complesso monumentale, essa stessa sito archeologico, ne ha favorito il completo recupero, sia dal punto di vista strutturale sia dell’apparato decorativo, per quanto ancora conservato.
Attualmente, al suo interno è ospitato quello che può essere ritenuto il cuore delle raccolte archeologiche di Cremona: attraverso i reperti rinvenuti a partire dall’Ottocento fino agli scavi più recenti, viene restituita l’immagine della città fondata dai Romani nel 218 a.C., la prima a nord del Po.
 
Cremona, florida fino all’anno 69 d.C., anno della sua devastazione a seguito delle vicende di guerra intestina che portarono al trono imperiale Vespasiano, fu poi ricostruita e partecipò al rinnovamento edilizio e monumentale che interessò gran parte dell’Italia settentrionale nel III secolo d.C.
 
Di queste vicende sono testimonianza i circa 500 oggetti esposti secondo un percorso tematico articolato in tre sezioni: lo spazio pubblico, ove spiccano i resti monumentali dell’edificio, forse da identificarsi col teatro, sito in corrispondenza dell’attuale via Cesare Battisti; lo spazio privato, testimoniato dalle ricche domus dette del Labirinto e del Ninfeo e da quella rinvenuta in via Colletta, con raffinati pavimenti a mosaico e pitture parietali di alta qualità artistica; infine le necropoli, con la lastra di un monumento funerario con i ritratti della famiglia degli Arruntii, le urne cinerarie e gli oggetti in ceramica, vetro e bronzo deposti come corredo.
 
 
 
 
Giorni e orari di apertura al pubblico
     
 
dal martedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00
sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 17.00
chiusura il lunedì (con eccezione del lunedì di Pasqua), 1 gennaio, 25 e 26 dicembre
 
 
Accessibilità
 
Il Museo è accessibile per persone disabili; sono presenti supporti didattici per non vedenti e ipovendenti e per persone con disabilità cognitiva.
 
 
 
Proposte per le SCUOLE
 
Visite guidate, percorsi tematici, laboratori, itinerario in città “Cremona romana”.
 
Per le scuole di ogni ordine e grado si propongono itinerari di visita adeguati all'età e al corso di studi degli alunni, anche in abbinamento al percorso di Cremona romana (strada di via Solferino, Domus di Piazza Marconi e sotterranei della scuola Capra Plasio).
 
 

 

 
Costi
 
Ingresso gratuito per gruppi di studenti di scuole pubbliche e private accompagnati dai loro insegnanti
 
Il costo dell’attività didattica è di € 1 per ciascun alunno
 
 
 
 
Contatti e prenotazioni
Tel. 0372 407775 - 366 6673881 (dal martedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00; sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 17.00)
museo.archeologico@comune.cremona.it
 
 
 
 
Approfondimenti
 
 
 
 
 
  0 letture - ultimo aggiornamento: 22-07-2019    
1